I vortici e le correnti oceaniche

earth-wind-map

Le correnti oceaniche che generalmente si spostano dalle aree più calde a quelle più fredde (e viceversa in profondità) sono le grandi moderatrici del clima del nostro Pianeta. Nel loro percorso trasferiscono calore dall’equatore alle regioni polari e questo ha dato modo all’uomo e a numerose specie animali e vegetali la possibilità di colonizzare regioni del mondo che altrimenti sarebbero state inabitabili. C’è però un fenomeno che influisce sulle correnti e che è molto difficile da studiare attraverso modelli su larga scala: si tratta dei vortici a mesoscala (correnti d’acqua circolari), vortici di dimensioni comprese tra 50 e 500 chilometri che sono fondamentali per determinare la direzione di correnti più grandi, come la più famosa delle correnti oceaniche: la Corrente del Golfo.

In un articolo su Science Advances ricercatori dell’Università di Rochester e del Los Alamos National Laboratory hanno documentato per la prima volta come il vento abbia un effetto molto complesso su vortici di dimensioni inferiori a 260 chilometri, dando luogo ad un fenomeno chiamato vortice killer. Lo studio fornisce la prima misurazione diretta dell’impatto complessivo dei vortici killer sulle grandi correnti oceaniche che sotto l’azione dei vortici perdono circa 50 gigawatt di energia cinetica ogni 20 minuti. I ricercatori hanno applicato ai dati satellitari una metodologia di analisi che ha permesso loro di separare le complesse strutture a varie scale delle correnti oceaniche e dei vortici incorporati l’uno nell’altro. Questo metodo ha fornito un’analisi spaziale molto più dettagliata di quanto sia stato possibile finora.

Nonostante il fenomeno sia noto dalla fine degli anni Ottanta, i modelli non sono stati finora in grado di rappresentare tutti i meccanismi che lo generano. Spiega Hussein Aluie, uno dei ricercatori dell’Università di Rochester:

Eppure il concetto di base è abbastanza semplice da visualizzare. Un vortice è come un cerchio che ruota in senso orario oppure antiorario. Qualsiasi vento che scorra sul vortice si sposta sempre in una sola direzione, “aiutando” una metà del cerchio a muoversi in quella stessa direzione e ostacolando l’altra metà: da un lato sostiene il moto del vortice, dall’altro lo ostacola e riduce l’energia della corrente. È un fenomeno che non era mai stato misurato direttamente prima.

Le ricadute dello studio sono importanti per interpretare i flussi di calore, le concentrazioni saline e la risalita di nutrienti dalle profondità degli oceani e permetteranno di comprendere meglio l’evoluzione degli oceani del nostro Pianeta.

 

a cura di Luisa Ramaglia

Lascia un commento

Powered by ODDERS Communication Agency