Cercola. Ufficio anagrafe chiuso, Busiello (Fratelli d’Italia) “Siamo nel Terzo Mondo dei servizi”

ufficio-anagrafe-chiuso

Cercola (Na) - Un’altra mattinata bollente per i cittadini cercolesi che si son trovati incredibilmente sbarrata la porta dell’ufficio anagrafe sito al piano terra del Palazzo Municipale in Piazza Libertà. Nel corso delle prime ore della mattina  si sono avvicendati alla soglia della porta chiusa un centinaio di cercolesi, tutti inalberati per l’ennesimo disservizio subito e inermi davanti alle vane richieste di aiuti rivolti alle autorità di controllo locale, tra i quali anche i poliziotti municipali. Quello che più ha fatto arrabbiare i residenti è stata la mancanza di un avviso affisso al portone che motivasse le ragioni della chiusura e naturalmente firmato dal responsabile di servizio. Invece, dopo l’inutile intervento del sindaco Fiengo a fine mattinata è stato affisso l’avviso che annunciava solo la chiusura dell’ufficio senza mettere a conoscenza dei contribuenti cercolesi delle ragioni e del responsabile che ha detrminato questa chiusura immotivata.

” E pur vero - ha spiegato Gaetano Busiello, presidente del circolo territoriale di Fratelli d’Italia “Cercola Città del Vesuvio” – che stiamo subendo al comune di Cercola   una forte emergenza democratica determinata dalla confusione dei ruoli tra dirigenti e politici di governo, mancata separazione  delle funzioni , principio base del sistema democratico italiano, che produce nient’altro che disservizi e clientelismo, però non possiamo sorvolare sul fatto che, comunque, la mancata erogazione dei servizi dell’ufficio anagrafe  condizionano  il quotidiano dello studente, del lavoratore, della massaia e dell’imprenditore. Tale servizio è essenziale e non va  mortificato.

“Stamane sono stato allertato da un cittadino - continua Busiello - e sono piombato sul posto,  ho notato il totale abbandono che hanno vissuto i cercolesi intenti a comprendere il perchè di questo ennesimo disservizio , abbiamo anche assistito  al tentativo di qualche furbetto alimentato dal politicante nascosto sotto l’arco del portone del comune, che servendosi di un dipendente comunale, ha tentato di far la ‘cortesia’ al cliente -elettore, ovviamente è stato  rimbalzato dai cittadini infuriati. Siiamo piombati ufficialmente nel Terzo Mondo dei Servizi, nonostante le tasse locali e i tributi comunali sono i più alti d’Italia, vedi la Tari. Non riusciamo a comprendere come mai dei baldi giovanotti  sono spostati dall’anagrafe ad altri uffici a far nulla, anzi,   spesso al Bar per sorseggiare il caffè in santa pace, invece, di rendersi partecipi al potenziamento  dell’ufficio. Il caso clamoroso del vincitore di concorso spostato nell’ufficio legale, senza aver acquisito la dovuta esperienza, resta un mistero, oppure le conclusioni delle indagini di concorsopoli chiariranno diversi aspetti di questa vicenda imabarazzante?”

“Fratelli d’Italia Cercola – conclude Gaetano Busiello, leader locale del partito di Giorgia Meloni – segnalerà tutte queste defaillances agli organi competenti ed attenzionerà la presunta rappresaglia politica perpetrata nei confronti di un dipendente comunale reo di esser parente di un politico attivo sul territorio, non allineato a La Grande Accozzaglia che sta ‘attentando’ alla credibilità delle istituzioni municipali.”

Redazione Politica

1 Commento

  1. Pippo scrive:

    Siete un comune morto

    Replica

Lascia un commento Pippo

Powered by ODDERS Communication Agency