Trovato morto il Dott. Giuseppe De Donno, padre della terapia anti- covid del plasma iperimmune

Ieri, a Mantova, è stato trovato morto, suicida, il Dott. Giuseppe De Donno, pneumologo ed  ex primario del reparto di Pneumologia dell’ Ospedale Carlo Poma di Mantova. In prima linea soprattutto durante i primi mesi della lotta contro il Covid-19, aveva messo a punto una terapia a base di trasfusione di plasma iperimmune. Il plasma donato da persone guarite dal Covid- 19 veniva elaborato ed infuso a pazienti, alcuni anche in situazioni molto complicate della malattia. Il prof. Giuseppe De Donno aveva 54 anni e si era dimesso dall’ Ospedale di Mantova ad inizio giugno 2021 per iniziare la sua nuova professione di medico di base  a Porto Mantovano. Sconvolta la famiglia e tutta la comunità mantovana per questo tragico evento, di cui ancora non vi è chiarezza sia per quanto concerne la dinamica sia per le motivazioni. Innumerevoli sono i messaggi di cordoglio che da tutta l’ Italia stanno continuando ad arrivare alla famiglia del dott. De Donno  e numerosi i commenti anche sui social che sollevano dubbi e perplessità sul gesto compiuto. Fermo restando che l’ analisi di quanto accaduto deve essere lasciata a chi di competenza, tra le persone più vicine allo pneumologo pare sia diffusa l’idea che lo stesso fosse stato messo “da parte” per la terapia che cercava di far valere contro il Covid-19. Ricorrono nuovamente in queste ore, infatti, svariate interviste fatte al Prof. De Donno e tantissimi sono i commenti che diffondo sconcerto oltre che grande tristezza per questa morte inaspettata. L’ Italia intera si stringe alla famiglia del Dott. De Donno che ha salvato tante vite anche dal Covid -19 e che ha sempre cercato di studiare quali fossero le armi da utilizzare in questa battaglia contro il Coronavirus. Che la terra gli sia lieve.

 

 

Di Valentina Raia

Lascia un commento

Powered by ODDERS Communication Agency