Cercola. Commissione consiliare PUC, Gaetano Busiello (Fratelli d’Italia): “Scandalosa seduta nei locali dell’UTC, ai cittadini viene impedito di partecipare all’adunata pubblica!”

fratelli

Cercola (Na) – Risulta scandaloso – spiega in un  comunicato stampa , Gaetano Busiello, commissario cittadino di Fratelli d’Italia - che la prima seduta di commissione consiliare  per il Piano Urbanistico Comunale, fissata per le 12,30 del 9 gennaio,  venga celebrata all’interno dei locali dell’Ufficio Tecnico Comunale, visto che tali locali non sono idonei a ricevere il pubblico. Quindi, si impedisce  di fatto ai cittadini di partecipare e valutare i propri eletti nello svolgimento delle proprie funzioni e, soprattutto, su un tema così importante e fondamentale per lo sviluppo socioeconomico della nostra città che inciderà fortemente sulla quotidianità del cercolese. Il presidente del consiglio comunale Luigi Sorrentino e l’assessore ai Lavori Pubblici Vincenzo Barone non hanno nemmeno tenuto conto del più elementare principio democratico di separazione delle funzioni comunali,infatti,  come possono ‘simbolicamente’ i titolari della finzioni di indirizzo politico/amministrativo operare nella stanze del potere gestionale? La città deve comprendere che il potere dei tecnici comunali detterebbe anche la linea politica del PUC oppure è soltanto inadeguatezza al ruolo di questi politici di sinistra? Noi di Fratelli d’Italia chiediamo che si venga celebrata in un locale comunale capace di accogliere il pubblico, visto che le sedute di commissioni consiliari sono pubbliche! O si adeguano o ci saremo lo stesso a salvaguardia della legalità e della trasparenza dell’azione amministrativa, sono valori impresindibili a cui non intendiamo rinunciare.”

Gaetano Busiello: “Meno cemento e più responsabilità per un PUC di Protezione Civile!“Non si è ancora spenta l’eco della figuraccia fatta incassare alla città dalle inadeguate risposte del sindaco Fiengo  – continua Gaetano Busiello - ai giornalisti di Report, la trasmissione d’inchiesta che va in onda da tanti anni su Rai TRE, che ha messo in luce la speculazione edilizia emersa in questi anni di Amministrazione Fiengo, nel solco della continuità con l’altra fallimentare guidata dall’ex sindaco Giuseppe Gallo. Report ha riportato dati imbarazzanti sul governo locale che preferisce edificare in Zona Rossa del Vesuvio,  dove, invece,  andrebbero rese più agevoli le vie di fughe e, in particolare, ha messo in evidenza la speculazione degli insediamenti commerciali nascosti  dietro ad attrezzature private  ad uso pubblicio, tante altre sono disseminate su tutto il territorio locale, anche riconducibili ad attuali amministratori che sostengono tale disastrosa maggioranza di centrosinistra. Noi di Fratelli d’Italia  – conclude Busiello – desideriamo vederci chiaro: stanno prevedendo una sorta di sanatoria per queste illegittime edificazioni sorte in aree di interesse pubblico, ma che sono sono diventate commerciali e terziarie?  In particolare, Vincenzo Barone, ex presidente del consiglio comunale ed attuale assessore ai Lavori Pubblici ed Urbanistica,  e l’attuale capo del consesso civico Luigi Sorrentino , non hanno tutelato gli interessi pubblici derivanti dall’obbligo previsto dalle Norme Tecniche di Attuazione del vigente  Piano Regolatore Generale  che facilitano l’accesso presso queste famigerate  strutture private ad uso pubblico per le fasce deboli della nostra comunità, quali anziani studenti diversamente abili e indigenti, negando il passaggio in consiglio comunale per tali concessioni edilizie. Noi di Fratelli d’Italia saremo a difesa delle fasce deboli della società, contro qualsiasi speculazione edilizia che devasti il territorio, siamo per un PUC di Protezione Civile che consenta ai nostri concittadini di rendere più agevole la fuga nel caso di un’eruzione del nostro vulcano attivo. Meno cemento e più responsabilità pubblica!”

Redazione Politica

Lascia un commento

Powered by ODDERS Communication Agency